Straordinaria scoperta di Luigi Salvatori: a Parigi l’hydria di Tuscania

Il blog Tuscania INforma ha pubblicato la notizia del ritrovamento, presso la Bibliothèque Nationale di Parigi, di una hydria proveniente da Tuscania. Per dare maggiore spessore alla notizia, abbiamo rintracciato due dettagli di questo prezioso reperto.

600px-Athena_aigis_Cdm_Paris_254(fonte: Wikipedia – © 2007 – Marie-Lan Nguyen, Paris)

Herakles_Iolaos_Athena_Cdm_Paris_254(fonte: Wikipedia – © 2007 – Bibi Saint-Pol)

ALTRA STRAORDINARIA SCOPERTA DI LUIGI SALVATORI

È ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE DI PARIGI HYDRIA A FIGURE NERE DEL 540 AC TROVATA A TUSCANIA

Anche se non ha più l’età per essere paragonato ad Indiana Jones, il professore di archeologia, esperto di occultismo, ricercatore di antichità rare, portato sugli schermi cinematografici da George Lucas ed interpretato da Harrison Ford, Luigi Salvatori continua a “scovare” meravigliosi reperti archeologici di Tuscania esposti nei musei in giro per il mondo. L’ultima scoperta Luigi Salvatori l’ha realizzata a Parigi. Nella biblioteca nazionale è ospitata una hydria a figure nere del 540 a.c. dove sono raffigurati Ercole e Iolao scortati da Atena con Apollo e Hermes. L’ hydria è stata realizzata dal vasaio Pamphaios e del pittore Euphilétos due dei più grandi artisti della ceramica greca. “Ancora una volta i tesori di Tuscania ornano i luoghi più prestigiosi del mondo – afferma con un velo d’orgoglio Luigi Salvatori – l’ hydria a figure nere che ho scoperto presso la “Bibliothèque nationale de France”, la cui sede principale è a Parigi al “XIII arrondissement”, nel sito denominato François Mitterrand, è una delle biblioteche più importanti a livello mondiale. Il nostro vaso è collocato nella sala edificata per Mazarino dagli architetti Pierre Le Muet e François Mansar. All’emozione di questa nuova scoperta segue sempre un amara riflessione: come è possibile che Tuscania ha così tanti tesori da far invidia a tutto il mondo e noi nella nostra città abbiamo così poca cura per il nostro patrimonio. Quando riapriranno, ad esempio, tutte le sale del nostro museo? Quando sarà possibile offrire al pubblico di godere della ceramica medievale che da oltre quarant’anni è imballata negli scantinati? Continuerò le mie ricerche con passione ma questo non è sufficiente. Continuerò ad incalzare le istituzioni perché venga reso il giusto riconoscimento alla grande cultura ed arte di Tuscania”.

Articolo tratto da © Tuscania INforma

Annunci

4 thoughts on “Straordinaria scoperta di Luigi Salvatori: a Parigi l’hydria di Tuscania

  1. Luigi Pica 5 febbraio 2013 alle 9:30 Reply

    Le immagini del reperto credo che non corrispondano a quanto descritto, le foto del vaso sono nell’articolo di Toscanella a questo link: http://www.toscanella.it/blog/index.php?id=hjy0bm6q sono foto che mi ha dato Luigi Salvatori. Un saluto. Luigi Pica

    Mi piace

    • Enzo Valentini 5 febbraio 2013 alle 9:30 Reply

      Caro Gigi, ti ringrazio della precisazione. Ho visto le foto pubblicate su Toscanella: il vaso è lo stesso, ma le immagini sono a figura intera, mentre quelle pubblicate sul nostro blog riguardano dei particolari. D’altra parte gli autori possono essere diversi; in ogni caso le foto del nostro blog provengono da Wikipedia, come potrai controllare cliccando sulla parola “Wikipedia” inserita nei crediti dell’autore. Un saluto.
      Enzo Valentini

      Mi piace

  2. commerciale@tuscaniainforma.it 5 febbraio 2013 alle 9:30 Reply

    buona sera Sig. Valentini mi fa veramente piacere che un prodotto nuovo abbia già destato interesse e commenti positivi spero avremmo presto altre collaborazioni a disposizione cordialmente

    AGNESE Mencancini Account Manager http://www.tuscaniaINforma.it cell.:349 05 15 603

    Mi piace

    • Enzo Valentini 5 febbraio 2013 alle 9:30 Reply

      Salve Agnese, come avrà visto il link al suo blog è stato inserito nell’elenco dei “media” (colonna di destra). Lo spirito del nostro blog è, come d’altra parte della nostra associazione, quello di parlare della storia, del paesaggio e dell’arte di Tuscania (e in parte anche della Tuscia).
      Per questo motivo andiamo a “pescare” nella rete tutti gli articoli che possano servire a migliorare la conoscenza del nostro territorio.
      Speriamo che questi sia l’inizio di una futura proficua collaborazione.
      Enzo Valentini

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: