Lo stemma ed il gonfalone di Tuscania

Dal sito ufficiale del Comune di Tuscania:

Stemma approvato con D. P. C. M. del 12 luglio 1929.
Scudo sannitico e corona di città.
Croce d’argento in campo color porpora: «Di porpora alla croce piana d’argento. Il titolo di città era stato concesso a Tuscania con D. P. C. M. del 25 maggio 1929».
Lo stemma fu in uso già dal XIII secolo, come attestano numerose fonti monumentali in loco. Dal sec. XIV sotto lo scudo talvolta si legge la sigla S.P.Q.T. (Senatus Populusque Tuscaniae), Il Senato e il Popolo di Tuscania; esemplificata su quella dello stemma di Roma, e prerogativa delle sole città. Nel corso della pratica, portata avanti in età monarchica, il Commissario Araldico Emilio Re era di parere di mantenere la sigla per distinguere lo stemma di Tuscania da quello sabaudo.
La croce è una pezza onorevole, segno di vittoria e di salute; indica che Tuscania appartenne alla parte guelfa.
Di seguito riportiamo il documento storico dell’attribuzione dello stemma e del gonfalone:

gonfalone 1 gonfalone 2 gonfalone 3 gonfalone 4

Annunci

One thought on “Lo stemma ed il gonfalone di Tuscania

  1. Roberto Quarantotti 24 settembre 2013 alle 9:30 Reply

    Io avrei mantenuto la scritta S. P, Q, R.( Senatus Populusque Quirino Tuscaniae ), evidentemente la parte pretina di Tuscania ha avuto la meglio su quella laica. Essere di parte guelfa ò stata la nostra sfortuna !

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: